La Fecondazione In Vitro è l’unione dell’ovulo con lo sperma in laboratorio -in vitro-, al fine di ottenere embrioni già fecondati da trasferire nell’utero materno .

La fecondazione degli ovuli può essere eseguita mediante una tecnica convenzionale di IVF o iniezione intracitoplasmatica di sperma ( ICSI ).

Indicazioni

Causa sconosciuta di infertilità o sterilità.
Fallimenti nei precedenti cicli di inseminazione.

Fattore femminile

    • Assenza o lesioni ai tubi.
    • Endometriosi.
    • Disturbi dell’ovulazione.
    • Disturbi immunitari.

Fattore maschio

    • Alterazioni moderate o gravi della motilità, della concentrazione o della morfologia degli spermatozoi.
    • Incapacità dello sperma di passare attraverso il muco cervicale.
    • Eiaculazione retrograda.
    • Lesioni spinali.

Sviluppo del trattamento

La fecondazione in vitro si compone di 4 fasi:

1

Fase di stimolazione

Viene generalmente eseguita dopo aver “bloccato” farmacologicamente il ciclo naturale. Una volta raggiunta, la stimolazione dell’ovaio viene avviata con iniezioni giornaliere di ormoni chiamati gonadotropine, che vengono auto somministrati per via sottocutanea dalla paziente stessa.
L’obiettivo è ottenere uno sviluppo follicolare multiplo, che ci permette di ottenere un numero ragionevole di ovociti fertilizzabili.

2

Puntura dell’ovaio

Gli ovociti vengono estratti dalle ovaie della donna attraverso la puntura dei follicoli. Questo intervento è controllato dagli ultrasuoni e di solito viene eseguito sotto analgesia in modo che non sia doloroso. Di solito viene eseguito circa 11 giorni dopo l’inizio del ciclo. La procedura non richiede il ricovero e il paziente lascia la clinica in 30-60 minuti conoscendo il numero di ovociti ottenuti e con un’approssimazione della loro qualità. Vengono quindi preparati e classificati in laboratorio.

3

Fase di fecondazione in laboratorio

Gli spermatozoi e gli ovociti vengono messi in contatto, rimanendo in incubazione in mezzi e condizioni speciali per ore.

Il seme deve essere ottenuto quasi contemporaneamente all’estrazione degli ovociti, dopo un periodo di astinenza sessuale. Lo sperma viene preparato in laboratorio per rimuovere alcuni componenti e selezionare lo sperma più adatto da fertilizzare.

4

Trasferimento di embrioni

Consiste nell’introduzione degli embrioni (un massimo di tre) all’interno dell’utero. Di solito viene eseguita tra 2 e 3 giorni dopo il prelievo degli ovociti. La procedura è assolutamente indolore e di solito viene eseguita sotto controllo ecografico. La donna rimane a riposo per 45-60 minuti e si consiglia un riposo a casa per 24-48 ore. La donna seguirà un trattamento ormonale, applicato con ovuli vaginali di progesterone per favorire l’impianto dell’embrione.

Percentuali di successo

Fecondazione in vitro (percentuali)

Pazienti totali 52%
Sotto i 36 anni 62%
Tra i 36 ei 40 anni 47%
Più di 40 anni 31%

Trasferimento di sbrinamento

Pazienti totali 39%
Sotto i 36 anni 47%
Tra i 36 ei 40 anni 40%
Più di 40 anni 26%

Vuoi più informazioni ?

Da IMF Riproduzione Assistita saremo lieti di rispondere a qualsiasi tipo di dubbio, perché non provare?

Envíanos un mensaje
X