IMF ha un ampio orario di apertura, grazie al quale possiamo adattarci alle vostre necessità. Richiedi una visita e, se sei già in possesso di cartelle cliniche o esami precedentemente realizzati, portali con te durante la prima visita..

Se non vivi a Madrid o Barcellona, ti chiediamo di inviarci risultati clinici o di analitiche per e-mail o fax prima del giorno della visita: in questo modo se è necessaria qualche prova ulteriore te lo indicheremo a tempo, evitando così viaggi non indispensabili.

Valutazione e diagnosi

il medico valuterà la tua cartella clinica, l’ anamnesi riproduttiva ed i trattamenti ricevuti in passato o al momento della visita

Una volta analizzato ciò, il medico potrà indicare ulteriori esami necessari e l’eventuale necessità di un’esplorazione ginecologica. Sarai costantemente informata circa le finalità di ogni esame clinico che sarà richiesto.

Orientamento al trattamento

In questo momento, se il medico ha a disposizione tutte le informazioni necessarie, definirà il trattamento da realizzare, la terapia farmacologica adeguata e i possibili esami complementari.

Inoltre riceverai i moduli di consenso. È possibile che, prima di fissare e iniziare il trattamento, il medico abbia bisogno di aspettare gli esiti di alcuni esami specifici: in questo caso, il trattamento definitivo sarà messo a punto nel corso della seconda visita.

Preventivo e finanziamento

Una volta terminata la visita, vi sarà dato un preventivo dettagliato, che includerà tanto le tecniche relative al trattamento da noi proposto quanto le altre opzioni disponibili.

Nel caso siate interessati, IMF dispone inoltre di una linea di finanziamento presso il Banco Santander.

La valutazione della fertilità femminile dipende dalle circostanze di ciascuna donna. All’IMF faremo solamente le prove necessarie alla valutazione delle possibilità di gestazione.

Alcuni esami che il medico potrebbe richiederti sono:
  • Esami ormonali tra il 2º e il 5º giorno del ciclo: FSH, LH, 17 beta estradiolo, Prolattina, TSH
  • Esami ormonali tra il 21º e il 24º giorno del ciclo (Progesterone e 17 beta estradiolo)
  • Isterosalpingografia : per verificare la permeabilità delle tube.
    Questa prova sarà necessaria solo nel trattamento di Inseminazione intrauterina.
Esami Complementari
  • Esami ormonali: Testosterone totale e libero, DHEA-S, Androstenedione, 17-OH progesterone, SHBG
  • Test Postcoitale
  • Isterosalpingografia: verifica se le tube sono permeabili. Questo esame è necessario solo nel caso di trattamento di inseminazione intrauterina.
  • Ciclo di studio: il medico, mediante una monitorizzazione ecografica del ciclo, determinerà se c’è ovulazione o no.
  • Biopsia endometriale
  • Laparoscopia
  • Coltura di essudato vaginale (al fine di scartare la presenza di infezioni)
  • Cariotipo (analisi del sangue che fornisce informazioni sui cromosomi)

I problemi di fertilità sono sempre stati considerati sulla base delle cause femminili, senza tenere molto in conto il fattore maschile. Oggigiorno conosciamo l’importanza di studiare a fondo il potenziale riproduttivo degli uomini, dato che almeno nel 50% dei casi è proprio l’uomo ad essere causa diretta del problema.

Alcune della prove che il medico ti richiederà, sono:
  • Seminogramma. Valuta il numero, il movimiento o motilità e la morfologia degli spermatozoi. Per ottenere il campione di seme, è necessario osservare dai 3 ai 5 giorni di astinenza ed utilizzare un contenitore sterile per urine, che potete prendere in clinica o in qualsiasi farmacia. Se il campione viene raccolto in casa, bisogna portarlo in clinica entro un’ora. È importante che giunga conservato a temperatura corporea, trasportandolo a contatto con la pelle. È possibile raccogliere il campione anche presso la clinica stessa.
Esami complementari
  • Test di recupero (REM) e sopravvivenza degli spermatozoi (TSE): si processa il campione di seme in un’ambiente simile a quello che lo spermatozoo incontrerà nell’apparato genitale femminile, verificando quanti spermatozoi con buona motilità sia possibile recuperare e la loro sopravvivenza in 24 ore.
  • Livelli ormonali nel sangue: FSH, LH, Testosterone totale libero, Prolattina…
  • Cariotipo: analisi del sangue che fornisce informazioni sui cromosomi
  • Eventuale visita con l’andrologo
  • Biopsia testicolare: se non si trovano spermatozoi nell’eiaculato o nel caso in cui l’uomo si sia sottoposto ad una vasectomia, grazie a questa tecnica è possibile, nella maggior parte dei casi, recuperare spermatozoi dell’uomo nel tessuto testicolare, evitando così di dover ricorrere ad un donatore di seme.
  • Studio della meiosi nel seme
  • FISH nel seme
  • Frammentazione del seme